A cosa servono le cellule NK ?

Quando il sistema immunitario non è in condizioni ottimali possono prendere il sopravvento importanti patologie. Per questo conservare le cellule NK al momento della nascita è un investimento per la salute dei tuoi figli e dei familiari compatibili.

È possibile conservarle sia per uso autologo (cioè da parte dello stesso individuo da cui sono state prelevate) sia per uso aploidentico (cioè da parte di consanguinei compatibili al 50%). Ad oggi l’infusione di cellule NK aploidentiche è una pratica sicura.

Cellule NK contro il cancro

Le caratteristiche peculiari delle cellule NK le rendono un’arma ideale per approcci di immunoterapia contro il cancro. Diversi studi scientifici hanno dimostrato sia la loro efficacia antitumorale sia la loro sicurezza. Il loro utilizzo non è associato a rigetto e, rispetto ad altre terapie, riduce il rischio di ricadute.

In particolare, le cellule NK da sangue del cordone ombelicale si sono dimostrate del tutto efficaci in caso di leucemia. Inoltre numerosi studi sperimentali hanno dimostrato la possibilità di modificare le cellule NK e di stimolarne la proliferazione in modo tale da aumentare la loro efficacia contro il cancro.

Da un singolo campione di sangue del cordone ombelicale è possibile ottenere più dosi di cellule NK da utilizzare in immunoterapia.

Sei in dolce attesa?

Stai pensando di conservare le cellule staminali di tuo figlio?

Il sangue cordonale è il sangue che rimane nel cordone ombelicale dopo la nascita del bambino e rappresenta una preziosa fonte di cellule staminali.

Fino a poco tempo fa veniva trattato come rifiuto ed eliminato con scarti ospedalieri insieme alla placenta e al cordone ombelicale. Attualmente viene utilizzato nel trattamento di circa 80 gravi malattie.

Richiedi una consulenza gratuita