Il test

MyColon è un test non invasivo per lo screening del tumore del colon-retto e delle lesioni precancerose.

Può individuare anomalie che, se confermate tramite una colonscopia, consentono la diagnosi precoce del tumore del colon-retto.  Se scoperto in fase iniziale, infatti, il tumore del colon-retto può essere curato in modo più efficace e meno invasivo. Una valutazione precoce permette, spesso, di individuare ed eliminare anche lesioni precancerose (polipi), evitando l’insorgenza del tumore.

Brochure Informativa

Quando sottoporsi al test

In generale, per i soggetti che presentano un rischio assimilabile a quello della popolazione generale, è opportuno aderire ad un protocollo di screening dopo i 50 anni.

Per coloro che hanno un rischio per familiarità, è preferibile cominciare 5-10 anni prima dell’età in cui il familiare (primo grado) ha ricevuto la diagnosi di cancro del colon.

Infine, per coloro che hanno un rischio elevato, ossia i casi di accertata predisposizione genetica (circa 5-10%), lo screening deve essere avviato molto precocemente.

Perchè eseguire uno screening?

È importante aderire ad un programma di screening perché, se scoperto in una fase iniziale, il tumore del colon-retto può essere curato in modo più efficace e meno invasivo. Questa precocità permette, spesso, di individuare ed eliminare le lesioni precancerose (polipi intestinali), evitando l’insorgenza del tumore.

I FATTORI DI RISCHIO

I fattori di rischio sono piuttosto generici e trasversali nella popolazione generale, sia maschile che femminile.

FATTORI NUTRIZIONALI

Una dieta povera di fibre, ricca di grassi e proteine di origine animale è associata ad un aumento dei tumori intestinali. Obesità, sovrappeso e uno stile di vita poco sano costituiscono ulteriori fattori di rischio.

FATTORI NON EREDITARI

Il rischio di ammalarsi di tumore del colon-retto è determinato da fattori quali l’età, il fumo, la vita sedentaria, le malattie infiammatorie croniche intestinali, una storia clinica di polipi del colon o un pregresso tumore del colon-retto.

FATTORI GENETICI

È possibile ereditare la predisposizione ad ammalarsi di tumore del colon-retto (circa il 10% sono forme ereditarie). Attraverso test genetici specifici (MyCheck) è possibile verificare una eventuale predisposizione genetica.

INFORMAZIONI STATISTICHE SUL TUMORE DEL COLON-RETTO

  • Rappresenta circa il 10% di tutti i tumori diagnosticati al mondo
  • In Italia è il secondo tra i tumori diagnosticati più frequentemente
  • È diffuso soprattutto nella fascia di età 50 – 70 anni

Vantaggi del test

  • Non richiede preparazione (dieta, lassativi)
  • É sufficiente un prelievo di feci
  • Analizza 3 marcatori presenti nel DNA
  • Ha una sensibilità (2) che può raggiungere l’88%
  • Ha una specificità (3) del 93%
  • È più sensibile del test FIT  (1)

(1) test immunochimico per la ricerca del sangue occulto nelle feci
(2) capacità del test di individuare correttamente un’anomalia
(3) capacità del test di individuare correttamente un soggetto sano

Come si esegue il test

Il DNA viene estratto da un campione di feci e sottoposto ad  un’analisi specifica (Multiplex Fluorescent PCR) per rilevare eventuali anomalie di metilazione a carico di 3 geni marcatori per il tumore del colon-retto (SDC2, ADHFE1, PPP2R5C).

Richiedi il test

Per richiedere MyColon o per ottenere ulteriori informazioni sul test compila il modulo seguente, oppure chiama il Numero Verde 800 690914. I nostri biologi risponderanno alle tue richieste senza alcun impegno da parte tua.

(*) campi obbligatori






    Come ci hai conosciuto? InternetMedico/OncologoRiviste/GiornaliParenti/AmiciAltro

    Informativa sulla Privacy (*)