Cosa conservare del cordone ombelicale?

Al gruppo delle cellule staminali multipotenti appartengono le cellule staminali ematopoietiche presenti nel sangue del cordone ombelicale e le cellule staminali mesenchimali presenti nel tessuto cordonale e nella placenta.

Bioscience Institute offre la possibilità di conservare sia le cellule staminali da sangue del cordone ombelicale sia il tessuto cordonale.

Le cellule staminali da sangue del cordone ombelicale

Le cellule staminali da sangue del cordone ombelicale possono essere conservate per il neonato (a scopo preventivo) o per uso allogenico da parte di familiari compatibili.

Gli oltre 40 mila trapianti di cellule staminali da cordone ombelicale effettuati nel mondo per la cura di molte patologie confermano l’importanza e la validità scientifica della conservazione 1.

1. Ballen KK et al. Umbilical cord blood transplantation: the first 25 years and beyond. Blood. 2013 Jul 25;122(4):491-8. doi: 10.1182/blood-2013-02-453175

La conservazione del tessuto cordonale

La conservazione di un segmento di tessuto cordonale raccolto al momento del parto viene effettuata da Bioscience Institute su richiesta dei propri clienti.

Dalla gelatina di Wharton, sostanza presente nel tessuto cordonale, è possibile isolare cellule staminali adulte di tipo mesenchimale. Si tratta di staminali che differiscono da quelle del sangue cordonale per caratteristiche e possibilità di impiego terapeutico, limitato oggi al solo ambito sperimentale.

Sei in dolce attesa?

Stai pensando di conservare le cellule staminali di tuo figlio?

Il sangue cordonale è il sangue che rimane nel cordone ombelicale dopo la nascita del bambino e rappresenta una preziosa fonte di cellule staminali.

Fino a poco tempo fa veniva trattato come rifiuto ed eliminato con scarti ospedalieri insieme alla placenta e al cordone ombelicale. Attualmente viene utilizzato nel trattamento di circa 80 gravi malattie.

Richiedi una consulenza gratuita