Microbioma, invecchiamento e inflammaging

L’invecchiamento non altera solo organi e tessuti ma anche il microbiota, ossia la comunità di microbi che vive all’interno dell’organismo e sulla sua superficie. Alcuni cambiamenti di questa popolazione microbica dipendono dallo stile di vita; altri sono invece una conseguenza dello scorrere degli anni. Agire su di essi può aiutare a invecchiare mantenendosi in salute.

L’analisi del microbioma permette di identificare eventuali alterazioni del microbiota studiando i suoi geni e di individuare, di conseguenza, le strategie più adatte per promuovere un buono stato di salute agendo sui disequilibri rilevati.

Invecchiamento e alterazioni del microbiota intestinale

Durante l’invecchiamento il microbiota intestinale va incontro a diverse modifiche:

  • la sua capacità di fermentare i carboidrati diminuisce;
  • riesce a fermentare meglio le proteine;
  • la sua diversità si riduce, e alcune specie di microbi aumentano rispetto ad altre.

Fra gli esempi di batteri del microbiota intestinale che possono variare durante l’invecchiamento sono inclusi:

  • i Proteobacteria, associati all’infiammazione (locale e sistemica)
  • Akkermansia muciniphila, responsabile della degradazione della mucina (uno dei componenti della barriera intestinale)
  • i bifidobatteri, fermenti lattici alleati della salute
  • Escherichia coli, un batterio potenzialmente patogeno
  • i microbi produttori di butirrato, molecola che partecipa alla regolazione dell’infiammazione.

Alcuni dei cambiamenti rilevabili con l’analisi del microbioma sono caratteristiche fondamentali del microbiota nella terza età e non possono essere modificate significativamente agendo dall’esterno. Su altri è invece possibile agire giocando sullo stile di vita, per esempio sull’alimentazione e sull’assunzione di farmaci che influenzano lo stato della flora intestinale.

Le disbiosi intestinali nell'invecchiamento

Le disbiosi intestinali (alterazioni del microbiota intestinale) che si verificano durante l’invecchiamento possono essere causate da:

  • un’alimentazione poco varia
  • un aumento del consumo di zuccheri
  • un aumento del consumo di grassi
  • una riduzione del consumo di alimenti di origine vegetale
  • una riduzione del consumo di alimenti salutari
  • uno stile di vita poco sano

A loro volta, le disbiosi intestinali sono associate a:

  • degenerazione del sistema nervoso associato all’intestino
  • alterazioni della motilità intestinale
  • riduzione della barriera intestinale
  • aumento della permeabilità intestinale

Microbiota intestinale e inflammaging

Le alterazioni del microbiota intestinale partecipano anche allo sviluppo e al mantenimento del cosiddetto inflammaging, lo stato di infiammazione di basso grado associato all’invecchiamento.

Infatti la compromissione della barriera e della permeabilità intestinali può portare al passaggio nel sangue di molecole derivanti dal microbiota. Queste molecole possono creare uno stato pronfiammatorio attivando una particolare classe di globuli bianchi (i macrofagi) e aumentare così il rischio di aterosclerosi. A sua volta, l’aterosclerosi è associata alle malattie cardiovascolari e alla demenza vascolare.

Inoltre le disbiosi intestinali associate all’invecchiamento possono mettere in pericolo le capacità cognitive provocando variazioni di molecole associate all’infiammazione (citochine) e di particolari acidi grassi (detti “acidi grassi a catena corta”). Infine, possono essere associate alla liberazione di una tossina (il lipopolisaccaride, LPS) che promuove la formazione della proteina beta-amiloide responsabile dell’Alzheimer.

Quando effettuare l'analisi del microbioma

L’analisi del microbioma con MICROBALANCE di Bioscience Institute durante l’invecchiamento è particolarmente indicata in caso di:

  • problemi intestinali (colite, diarrea, stitichezza, flatulenza, irregolarità intestinale)
  • infezioni genito-urinarie (cistite, uretrite, candidosi)
  • menopausa
  • fattori di rischio per patologie intestinali o sistemiche
  • alimentazione non equilibrata

Richiedi MICROBALANCE

Per avere maggiori informazioni sul test MICROBALANCE per l’analisi del microbioma durante l’invecchiamento e per richiedere il kit per il prelievo contatta Bioscience Institute chiamando il Numero Verde 800 690914, oppure compila il seguente modulo di richiesta per essere contattata/o senza impegno da un nostro biologo di fiducia.

(*) campi obbligatori







    Come ci hai conosciuto? InternetMedico/NutrizionistaStampaParenti/AmiciAltro

    Informativa sulla Privacy (*)