Infiammazione cronica e tumori

La presenza di infiammazione è una caratteristica condivisa da molti tumori: più del 20% delle neoplasie è indotto o aggravato da un processo infiammatorio. Gastrite, colite e bronchite sono alcuni esempi di disturbi infiammatori associati a tumori (rispettivamente, dello stomaco, del colon e del polmone).

L’analisi dei livelli di infiammazione permette di individuare le situazioni di aumentato rischio e di mettere in atto strategie per contrastare l’aumento delle molecole pro-infiammatorie.

L'associazione tra infiammazione e tumori

Il legame tra infiammazione e tumori dipende da due diversi fenomeni. Da un lato, i geni coinvolti nello sviluppo del cancro possono stimolare processi infiammatori. Dall’altro, l’infiammazione aumenta il rischio di cancro sopprimendo le risposte immunitarie antitumorali e creando condizioni che favoriscono l’accumulo di mutazioni, la crescita e la sopravvivenza delle cellule tumorali, la formazione di vasi sanguigni che nutrono il tumore, la capacità della massa tumorale di invadere i tessuti circostanti e quella di formare metastasi.

I meccanismi coinvolti dipendono dalla formazione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e dell’azoto (RNS) che:

  • alterano il DNA, le proteine e i lipidi;
  • danneggiano anche le cellule staminali, favorendo lo sviluppo di forme tumorali particolarmente aggressive;
  • causano una particolare modifica del genoma, la demetilazione, promuovendo così un altro fenomeno associato allo sviluppo del cancro: l’instabilità genomica.

Inoltre l’infiammazione può ridurre l’espressione di geni oncosoppressori e di altre molecole (microRNA) in grado di bloccare lo sviluppo dei tumori.

I marcatori dell'infiammazione nei tumori

Diverse molecole associate all’infiammazione sono associate anche ai tumori. In particolare, sia le cellule tumorali sia quelle che circondano il tumore producono citochine proinfiammatorie come il Tumor Necrosis Factor α (TNF-α), una molecola sintetizzata nelle fasi iniziali della risposta infiammatoria che gioca un ruolo fondamentale anche nel mantenimento dell’infiammazione. Il TNF-α è coinvolto nei meccanismi che regolano la crescita di tumori e la loro capacità di invadere i tessuti e produrre metastasi.

A loro volta, le citochine proinfiammatorie regolano la produzione di proteina C reattiva (PCR). I suoi livelli aumentano rapidamente in caso di infiammazione e sono associati sia alla progressione del tumore sia alla riduzione della sopravvivenza in presenza di diverse forme tumorali (all’esofago, allo stomaco, al colon retto, al fegato, al pancreas e all’ovaio). Concentrazioni di PCR elevate sono associate a un maggior rischio di sviluppare un tumore (per esempio del colon retto o al seno) e a una maggiore mortalità per tumore del colon retto.

Quando analizzare i livelli di infiammazione

CYTOBALANCE, l’analisi dei livelli di infiammazione cronica di Bioscience Institute, è indicata in tutti i casi in cui si desidera tenere sotto controllo i fattori di rischio per lo sviluppo dei tumori attraverso una prevenzione primaria attiva. Adatta a tutti gli individui sani e asintomatici, è particolarmente utile in presenza di un aumentato rischio di fenomeni infiammatori, per esempio:

  • durante l’invecchiamento
  • in caso di predisposizione genetica allo sviluppo di tumori
  • in caso di esposizione al fumo di sigaretta
  • se si vive in ambienti inquinati
  • quando si assumono terapie a base di ormoni
  • in caso di stress elevato
  • in caso di alimentazione non equilibrata, sovrappeso e obesità
  • in caso di disbiosi intestinali (alterazioni della flora batterica intestinale)

Richiedi CYTOBALANCE

Per avere maggiori informazioni sul test CYTOBALANCE per l’analisi dei livelli di infiammazione cronica contatta Bioscience Institute chiamando il Numero Verde 800 690914, oppure compila il seguente modulo di richiesta per essere contattata/o senza impegno da un nostro biologo di fiducia.

(*) campi obbligatori







    Come ci hai conosciuto? InternetMedico/NutrizionistaStampaParenti/AmiciAltro

    Informativa sulla Privacy (*)